Istat ridefinisce le stime del Pil e prevede un aumento di occupazione e investimenti per il 2017

in Economia by

Saronno, 24 novembre 2016. L’ultima stima Istat sulle prospettive per l’economia italiana mostra una ripresa ancora troppo lenta, con crescita Pil al di sotto delle aspettative e tasso di occupazione in crescita dello 0,6% nel 2017. Occupazione, investimenti e spesa per i consumi delle famiglie in positivo.

economia

Il report trimestrale dell’Istat pubblicato lunedì 21 novembre indica una fase di crescita molto moderata per l’economia, che potrebbe essere messa a rischio ulteriormente il prossimo anno a causa delle grandi incertezze e tensioni nei mercati finanziari internazionali.

 

Il tasso di disoccupazione nazionale diminuisce progressivamente rispetto all’anno scorso (11,5% nel 2016 contro 11,9 nel 2015) con un andamento lento ma continuo previsto anche per il 2017 (11,3%). L’occupazione aumenta dello 0,9% (in termini di unità di lavoro), tuttavia per il 2017 si prevede uno stazionamento al +0,6%.

 

Il Pil subirà una crescita dello 0,8% rispetto al 2015, tre decimi sotto le precedenti previsioni, e dello 0,9% nel 2017, rimanendo un decimo al di sotto delle aspettative del governo. Il rapporto mostra anche un incremento del reddito disponibile grazie al miglioramento delle condizioni del mercato che porta all’aumento della spesa per consumi delle famiglie (+1,2% nel 2016 e +1,1 nel 2017).

 

Infine, il miglioramento delle aspettative sulla crescita dell’economia e sulle condizioni del mercato del credito e le misure di politica fiscale a supporto delle imprese portano ad una previsione di crescita notevole degli investimenti per l’anno corrente e quello successivo (+2,0% nel 2016, +2.7% nel 2017).

Per maggiori informazioni, il report Istat sulle prospettive per l’economia italiana è disponibile nel sito qui sotto

https://goo.gl/jRrHwl

 

L’Istat e i suoi 90 Anni di Attività

Istat è l’acronimo di Istituto Nazionale di statistica, un ente di ricerca pubblico italiano che si occupa di produrre documentazioni di statistica ufficiale a supporto dei cittadini e delle pubbliche organizzazioni. Tra le sue attività rientrano il censimento sulla popolazione, l’industria, i servizi e l’agricoltura, indagini economiche e campionarie sulle famiglie. Creato nel 1926 come Istituto Centrale di Statistica con lo scopo di raccogliere dati essenziali riguardanti lo stato, esso è oggi un’utile banca dati e affidabile fonte di informazione di qualità al servizio della collettività.

Link Istat: http://www.istat.it/it/

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*